Se possiedi un’Azienda che ogni anno paga conti a 5 cifre per le bollette di luce e gas, presta la massima attenzione perché questa sarà la pagina più importante che leggerai oggi.

Stai per scoprire le 7 strategie segrete e
LEGALI
– che gli agenti, i call center,
i Grandi Fornitori del mercato
e lo Stato vogliono tenere nascoste – per
abbattere i costi delle bollette
della tua Azienda
dal 17% fino al 33%
(senza cambiare il tuo fornitore)
grazie al metodo
Risparmio FAI DA TE di Bollette Protette.

Con queste informazioni Top Secret – che solo i
VERI addetti ai lavori conoscono – saprai in
anticipo con precisione chirurgica quanto
risparmierai già dalla prossima Bolletta,
anche se la matematica ti provoca l’emicrania.

I numeri ti daranno ragione tale da lasciare a bocca aperta
il Commercialista e pure il Direttore della Banca.

Risparmierai MIGLIAIA di euro su base annua già a partire
dal prossimo mese e ricaverai il capitale
INDISPENSABILE
per rilanciare, espandere e
far PROSPERARE la tua Azienda.

Caro Imprenditore,

so che i miei toni possono sembrarti altisonanti, esagerati e fuori luogo.

E’ quello che pensano tutti appena atterrano su questa pagina.

Addirittura in tanti cliccano freneticamente la crocetta in alto per chiudere, pensando di aver a che fare con il solito ciarlatano che vuole svelare il segreto di pulcinella per appiopparti un nuovo contratto di energia.

Chiariamolo subito: nessuno vuole appiopparti un contratto di energia!

Confido tu faccia parte della nicchia di Imprenditori più intelligenti e legga con calma ed estrema attenzione quanto segue, perché sarà un vero toccasana per te e la tua Azienda.

Prima di cominciare, lascia che mi presenti.

 

Mi chiamo Ivano Pugliese e da oltre 5 anni opero nel Settore Energia come consulente energetico per Imprenditori.
Con la mia azienda Blu Synergy sto aiutando centinaia di imprenditori in Torino e provincia a RISPARMIARE SULLE UTENZE Aziendali di Luce e Gas.

Se non hai ancora chiuso il browser, beh ti consiglio di impostare muto il cellulare e fare logout da Facebook.

Prenditi 20 minuti di massima concentrazione.
Entriamo nel vivo del discorso!

Come dicevo in apertura, se tutti i mesi paghi conti a 4 cifre per le bollette di luce e gas, è matematico che ogni anno abbia per le mani un bel gruzzoletto da migliaia di euro.
Peccato ci sia qualcuno che te lo sta portando via, mese dopo mese, anno dopo anno.
In pratica li stai drammaticamente gettando in un buco nero dal quale TU non potrai mai più recuperare nulla.

Quel denaro ormai è andato via, perso per sempre.

Come la materia non risale dal buco nero, il denaro non ritornerà sul tuo conto corrente.
Te lo puoi scordare.
Purtroppo non posso recuperarlo per te, nessuno può farlo.

Ho due notizie per te. Una è pessima, ma come sempre è accompagnata a braccetto da una straordinaria.

Quale vuoi sapere per prima?

Decido io, vado con diretto con il boccone amaro.

Il buco nero non esiste, o per lo meno esiste solo per te. Dall’altra parte infatti si nasconde un manipolo di personaggi poco raccomandabili che fanno man bassa con i soldi che intascano INGIUSTAMENTE dalla tua Azienda. Tutti i mesi, tutti gli anni.

Come in finanza, non esistono soldi bruciati e svaniti nel nulla. Esistono soldi persi da una parte e guadagnati dall’altra.

Mi dispiace dirti che in questo caso chi li sta perdendo con una costanza da brivido sia la tua Azienda e di conseguenza anche tu.

La notizia straordinaria è che oggi voglio svelarti come tappare DEFINITIVAMENTE questo buco nero e trattenere finalmente per te il piccolo tesoretto. Potrai farlo già dal prossimo mese, e senza cambiare il tuo attuale fornitore.

Attenzione, sto parlando di denaro contante che NON uscirà più dalle tue tasche:

  • Nessuna detrazione fiscale o sconto dalle tasse da recuperare in 10 anni.
  • Niente buoni sconto per la spesa al supermercato o per il rifornitore di carburante.
  • Niente ricariche telefoniche omaggio.

Semplicemente – ma anche dannatamente efficace – denaro contante a tua disposizione che (se vorrai) potrai utilizzare per rilanciare, espandere e far PROSPERARE la tua Azienda fino al livello superiore.

Faccio un esempio al volo, più avanti capirai meglio: se fino a oggi hai pagato 2000 euro al mese per la Luce e il Gas, dal mese prossimo potrai tranquillamente pagare 1500 euro a parità di consumi.

La differenza di 500 euro sarà disponibile nel tuo conto corrente immediatamente, semplicemente perché è una somma che non hai speso.

Non male, vero?

Bene, continua a seguirmi…

Scommetto che nel corso degli anni le hai provate tutte, sei saltato da un fornitore all’altro cercando di risparmiare un pochino sui conti delle bollette. Ma il risultato finale è sempre stato lo stesso e cioè… l’hai presa sui denti!

Prima di andare avanti lasciami chiarire una cosa:

Se fino ad oggi hai pagato le bollette più del dovuto voglio innanzitutto rassicurarti su una cosa: la colpa NON è tua!

Tu sei un Imprenditore, hai mille casini da sbrogliare ogni giorno.
Tutte le mattine ti svegli, non hai neanche finito di assaporare l’amaro caffè che ti aiuterà a connettere il cervello con la realtà e… sei già catapultato nell’uragano CFD!

Clienti – Fornitori – Dipendenti.

I clienti hanno bisogno di te, delle tue merci, dei tuoi servizi, della tua assistenza ma… sono perennemente in ritardo con i pagamenti!

I fornitori se la prendono comoda, non riescono a mantenere un banalissimo accordo per consegnare puntualmente i prodotti o svolgere i servizi ma… battono cassa perennemente!

I dipendenti sono assenteisti, stanno a casa per un raffreddore, minacciano di rivolgersi ai sindacati e… vogliono l’aumento ogni 30 giorni!

Un susseguirsi di urgenti telefonate per cercare di tenere in pista quella spericolata macchina che è la tua Azienda.

E’ cosi incessantemente, ogni giorno per tutta la settimana. Spesso non hai tregua neanche nel week end.

Dunque è del tutto comprensibile che il “discorso bollette” passi in secondo piano, hai altro di cui occuparti invece che trovare l’ago nel pagliaio tra tutte le voci riportate in bolletta. Quello è il mio lavoro, non il tuo!
Sono certo che ogni mese la trafila è questa:

  1. le ricevi;
  2. controlli che la cifra da pagare sia simile a quella del mese precedente;
  3. butti giù qualche imprecazione;
  4. paghi;
  5. metti in archivio.

In realtà la colpa è di quei goffi ragazzotti con il giaccone dell’Oviesse che si spacciano per consulenti energetici.

Pur di guadagnare la provvigione sull’attivazione di un nuovo contratto, ogni settimana entrano a proporti il risparmio energetico con…

I metodi di risparmio poco cristallini, inefficaci ma soprattutto DANNOSI per i conti della tua Azienda.

Ti elenco brevemente i trucchetti più sporchi maggiormente utilizzati dai venditori porta a porta:

METODO TRUFFA #1: dicono di non far pagare i costi fissi perché la loro compagnia è sia fornitore che distributore. FALSO. I costi fissi sono i costi che si pagano per trasportare la materia prima (energia elettrica o gas) fino al contatore della tua Azienda. E’ come dire che al Ristorante paghi di meno perché il cameriere è nipote del titolare e serve le portate gratuitamente senza ricevere un compenso. Ti pare una situazione sostenibile?

METODO TRUFFA #2: riducono i consumi stimati in fase di attivazione del nuovo contratto. Questa pratica è rischiosissima perché all’inizio riceverai delle bollette con importi inferiori rispetto a prima, ma dopo alcuni mesi il fornitore chiederà i dati effettivi di consumo al distributore, e ti manderà un pesantissimo conguaglio per allineare i conti. In pratica dovrai tirare fuori TUTTI INSIEME i soldi che eri convinto di aver risparmiato. Hai presente quando il commercialista ti inoltra un F24 che non avevi previsto? Il livello di simpatia del conguaglio è esattamente identico.

METODO TRUFFA #3: propongono un costo dell’energia inferiore, facendo però pagare una quota a parte per garantirti la migliore tariffa — Il che di fatto ANNULLA TUTTO IL RISPARMIO). Tipo quei benzinai che in lontananza espongono il prezzo basso per la benzina SELF SERVICE, ma una volta che stai aprendo il serbatoio spuntano fuori e ti “costringono” al SERVITO, caricando sopra 20 centesimi al litro.

In pratica fanno come i politici con le tasse… Levano da una parte e ricaricano dall’altra!

Quanto spiegato fin qui vale sia per gli agenti porta a porta che per i call center. Cambia lo strumento di contatto ma la sostanza è sempre la stessa.

La stragrande maggioranza di questi “consulenti energetici” è ignorante – nel senso che non è proprio a conoscenza delle informazioni che sto per rivelarti – ma soprattutto è menefreghista.

Non hanno nessun interesse a stare dietro alle tue specifiche esigenze. Se sei a capo di un’officina, un supermercato o una software house a loro non importa. Ma come è possibile che attività così diverse tra loro abbiano le stesse esigenze in ambito energetico?

Tentano di appioppare forniture ad ogni partita IVA che incontrano durante la marcia quotidiana.

Ai loro occhi sei solo un codice fiscale al quale assegnare un codice cliente per ricevere una provvigione che va a sommarsi con le altre per raggiungere i numeri richiesti dalla compagnia mandante.

Una volta chiusa la trattativa con te, entrano nel negozio di abbigliamento accanto a proporre la STESSA IDENTICA OFFERTA.
I call center invece passano alla telefonata successiva seguendo l’ordine alfabetico. Cambia il mezzo ma non cambia la solfa.

Come diavolo è possibile che una tipologia di offerta vada bene per qualsiasi attività?

E’ come se da Foot Locker il commesso provasse a vendere a chiunque entra in negozio lo stesso paio di Nike Air Max nere numero 44. A quanti clienti potrebbe calzare a pennello quella scarpa?

In realtà la colpa non è neanche tutta di questi agenti.

In fondo anche loro devono apparecchiare la tavola tutti i giorni in un modo o nell’altro.

E’ un lavoro logorante, lo so bene perché ci sono passato anche io tanti anni fa.
E’ la gogna per accedere al settore del mercato energetico.
La stragrande maggioranza non tiene botta per più di qualche settimana, ho visto giovanotti scappare a gambe levate dopo un solo giorno passato a suonare campanelli.
Il ricambio di manovalanza è pazzesco, quindi non c’è tempo per formare a dovere le persone, ma soprattutto non c’è l’interesse.

La formazione da quattro soldi che ricevono prima di uscire a consumare le scarpe NON prevede le strategie Top Secret che scoprirai a breve.

Il motivo è semplice.

Sono i soldati schierati al fronte dalle Big Company che dominano il mercato dell’Energia.
Hanno l’obbligo di proteggere gli interessi della loro mandante e mai verrebbero a dirti di tutte le irregolarità presenti nelle tue bollette, anche se ne fossero a conoscenza.

Possiamo anche continuare a maledire e imprecare contro questi poveri soldati al fronte, che come i politici sono messi davanti al popolo a prendere i pesci in faccia per le malefatte che ci surclassano dall’alto.

Ma in realtà vi sono due figure che vanno a braccetto e si celano dietro la prima linea.

Chi si nasconde veramente dietro le bollette
troppo salate?

Sto parlando dei Grandi Fornitori e dello Stato.

Sono loro gli artefici dei trabocchetti che trovi nelle tue bollette di luce e gas.

Sono loro che ogni mese fanno man bassa con i tuoi soldi, facendo pagare dei costi completamente INUTILI per fornire energia alla tua Azienda.

Non è un segreto che lo Stato Italiano sia un vampiro assetato di denaro per mantenere in vita un sistema marcio, che consuma ingiustamente più di quanto realmente produce.
Quindi anche quando NON DOVRESTI pagare inutili tasse, invece di allentare la morsa affonda i canini per dare il colpo di grazia.

Solo che sembra brutto venire a bussare ancora alla tua porta per battere cassa più di quanto già non faccia.
Così “delega” i fornitori di energia elettrica e gas per compiere il lavoro sporco e succhiarti via altro denaro tramite tasse che NON dovresti pagare.
Non basta quanto le imprese e i nostri redditi personali siano già vessati da imposte ogni qualvolta muoviamo un euro da un bene all’altro.
Anche quando non è necessario, non viene persa l’occasione per prosciugare le nostre tasche.
Il tutto in maniera quasi invisibile e giocando sulla buona fede delle persone.

I Grandi Fornitori invece adottano un altro sporco trucco, continua a leggere…

Parliamoci chiaro,

Energia elettrica e Gas non sono altro che
due commodity indifferenziate

Fino al 2007 il mercato della fornitura di energia elettrica e gas era in mano a pochissime compagnie (le contiamo sulle dita di una mano) che gestivano in toto il mercato, provocando di fatto una calmierazione dei prezzi.
In pratica vigeva la filosofia: volemose tutti bene, un po’ per ciascuno non fa male a nessuno.

Ma dal 2007 in poi con l’effettiva entrata in vigore del Decreto Bersani, anche il mercato italiano è stato completamente liberalizzato.

Ormai chiunque può rivendere energia elettrica e gas. Negli ultimi 10 anni sono nate centinaia di società che smazzano le forniture. Alla data odierna, 29/09/2022 , tra varie S.r.l. e S.p.A. contiamo la bellezza di 370 fornitori attivi sul mercato nazionale.

Cosa succede quando tutti, nella stessa piazza, vendono lo stesso indifferenziatissimo prodotto?

Hai già capito, vero? Si scannano a morte sul prezzo, proprio come al mercato del pesce. Con la variante che al posto di urlare tra i banchi, lo fanno al telefono o con un piede sulla porta della tua Azienda.

E nonostante l’Italia sia una delle nazioni dove l’energia viene venduta a caro prezzo, tutti i fornitori – ma sopratutto i Grandi Fornitori – non possono esimersi di combattere una guerra a colpi di tariffe al ribasso SUL PREZZO DI COPERTINA.

Cosa voglio dire?

Continua a seguirmi perchè a breve tutto sarà più chiaro.

Le voci che compongono la bollette, se le conosci
impari a difenderti

L’utente medio non ha dimestichezza con le bollette, a malapena capisce quali sono le voci che compongono la fatturazione. Chi invece ha qualche nozione in più sa che la bolletta è composta da tre categorie di costi:

  • Costi di gestione e trasporto energia e Oneri aggiuntivi: rappresentano i costi per trasportare fisicamente l’energia dalla centrale fino al contatore che si trova in casa o in Azienda. Questi costi sono stabiliti dall’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI) che li aggiorna ogni 3 mesi. Sono IDENTICI per qualsiasi fornitore, li definiamo come la componente NON negoziabile della bolletta. Come detto prima, stai alla larga da chi millanta di ridurre o addirittura eliminare i servizi di rete, è al 100% un truffatore!
  • Servizi di vendita: rappresentano il costo della materia prima (energia elettrica o gas) applicato dal fornitore. E’ la componente negoziabile della bolletta, qui si combatte la guerra tra i Grandi Fornitori a suon di PREZZI DI COPERTINA con offerte scontatissime a 0,0XXXX al kw/h pur di entrare a gamba tesa nella tua Azienda. Peccato che in questa categoria si nascondano anche le altre malefatte per prosciugarti denaro.
  • Imposte: il consumo di energia è sottoposto all’applicazione di varie accise e poi all’IVA ovviamente. Tali aliquote possono variare in funzione della tipologia di utenza. Qui si annidano le malefatte dello Stato. I fornitore vengono utilizzati come agenti di riscossione e in quanto tali girano all’erario le imposte pari pari

Perché parlo sempre di PREZZO DI COPERTINA ?

In pratica è lo specchietto per allodole che viene utilizzato per entrare in fornitura nella tua Azienda. Una volta dentro ne approfittano per riempire le tue bollette di una serie di voci di costo ASSOLUTAMENTE INUTILI per te, che in gergo tecnico si chiamano Oneri Aggiuntivi.

Per i fornitori invece sono moooolto utili, dato che hanno il solo e unico scopo di attingere e prosciugare a più non posso le tue finanze.

In pratica lo sconto sui servizi di vendita applicato tramite il PREZZO DI COPERTINA viene ampiamente recuperato con gli interessi, mentre tu sei convinto di aver fatto un affare perché il tuo nuovo contratto ha una tariffa più bassa del precedente.

Ci vogliono fare fessi e contenti.

Ricordi quando poco fa ti ho detto che fanno come i Politici?
Tolgono da una parte e rincarano dall’altra!

I Grandi Fornitori sono delle pesanti macchine burocratiche arrugginite. All’interno della propria struttura hanno una sterminata gerarchia da remunerare e ingrassare. Sono obbligati a comportarsi in questa maniera perché altrimenti chiuderebbero i battenti dall’oggi al domani.

Diciamo che il loro atteggiamento è come il negoziante che fa del nero sistematico all’interno della bottega perché: “Altrimenti non si riesce a campare!”

Si, il mercato dell’Energia è una vera e propria giungla dove i Grandi Fornitori e lo Stato lottano per sopravvivenza, dove se non conosci i sentieri e i passaggi sicuri vieni letteralmente scannato a mani nude per il banchetto quotidiano.

Ma oggi ti sto offrendo l’opportunità di proteggerti – con il mio aiuto – da tutte le belve che lo popolano.

Ti fornirò la Mappa Segreta con tutti i sentieri nascosti e gli angoli sicuri per sottrarti da chi vuole banchettare alla faccia tua con le bollette di Luce e Gas.

Voglio farti una domanda: poiché l’energia è un servizio completamente indifferenziato, che razza di motivo c’è per pagare di più quando puoi ottenere lo stesso identico risultato (e cioè avere Energia Elettrica e Gas costantemente e senza alcuna interruzione nella tua Azienda) spendendo anche il 30% in meno?

Qua non si tratta del carburante per la tua automobile, dove un prezzo basso può nascondere pratiche poco corrette (vedi gli scandali dei rifornitori taroccati che erogavano meno di quanto segnato dalla pompa oppure delle cisterne piene di acqua) e per risparmiare qualche decina di euro rischi di compromettere il funzionamento e spendere 100 volte tanto dal meccanico per riparare il danno.

Stiamo parlando di indifferenziatissimi elettroni che schizzano all’impazzata attraverso cavi di rame per mettere in moto i tuoi macchinari e illuminare la tua azienda.

Stiamo parlando di particelle di gas che bruciano per riscaldare i termosifoni o il forno della tua carrozzeria o della tua pizzeria.

Non importa quale sia la tua azienda o chi sia il fornitore scelto a cui pagare le salatissime bollette ogni mese, la materia prima è e rimarrà sempre quella.

I Grandi Fornitori ogni giorno combattono due battaglie.

La prima avviene a migliaia di chilometri da noi, dove si acquista l’energia alla fonte. E’ un gioco complesso che non ci deve neanche interessare.

La seconda invece è quella che ho raccontato fino a qui, dove noi insieme alle nostre Aziende siamo i morti che devono lasciare stecchiti sul campo per sopravvivere.

Quando cambi fornitore quello nuovo NON attacca un tubo personale al tuo contatore. Comunica semplicemente al distributore (l’azienda che si occupa di trasportare l’energia fino ai contatori) che tutto ciò che trasporta fino al tuo contatore è di sua competenza, e che sarà lui a dover poi pagarlo per il servizio svolto, ovviamente dopo aver battuto cassa da te.

Le conseguenze invisibili (ma non troppo) del pessimo
vizio di scialacquare denaro inutilmente con le bollette

Continuare a ingrassare i Grandi Fornitori e lo Stato è una pessima abitudine che – oltre privare te e la tua azienda di un bel po’ di quattrini – sta invisibilmente bloccando la crescita, la prosperità e la serenità dell’azienda stessa.

Non si tratta semplicemente di risparmiare quattro spicci, che poi lasciami dire sarebbero anche diverse migliaia di euro.

Continuare a ingrassare i Grandi Fornitori e lo Stato equivale a togliere un pezzo di libertà alla tua azienda e dunque a te stesso.

Per quale motivo hai deciso di fare l’imprenditore e metterti al comando di un’Azienda?

Lasciami indovinare…

Volevi sottrarti dall’essere bacchettato da un superiore. A nessuno piace prendere ordini, ancora meno se chi li impartisce ha trascorso la scuola media insieme a te.

Il ruolo del capo ti calza a pennello.

Sognavi di vivere una vita più agiata, libera da orari e sveglie, senza le catene di un contratto da dipendente.

Puntavi a creare qualcosa di grande nel tuo campo e lasciare tutti a bocca aperta, per tutte le volte che ti han detto che eri un incapace.

Desideravi a tutti i costi guadagnare di più!

Invece ti ritrovi incatenato come un carcerato, a correre 12 ore al giorno per trainare la tua Azienda mese dopo mese e sfamare il socio occulto che ogni partita Iva si è visto imposto non appena iscritta alla camera di commercio.

Alla fine dei conti porti a casa a malapena uno stipendio come quello dei tuoi amici che hanno preferito accomodarsi ad una scrivania per conto di un altro capo, con tredicesima e ferie pagate.

Non fraintendermi, porto il massimo rispetto anche per loro che ogni giorno muovono gli ingranaggi dell’azienda di qualcun altro.

D’altronde non esistono grandi aziende senza grandi dipendenti.

Ma se hai deciso di fare l’Imprenditore non è di certo per avere la soddisfazione economica di un impiegato delle poste.

Invece arriva il week end e i tuoi amici si preparano per la gita fuori porta, mentre tu sei obbligato a declinare gentilmente l’invito, perché devi tirare la cinghia per far quadrare i conti.

O addirittura sei costretto a lavorare.

Non fa mai piacere ammettere che gli affari non girano al meglio, che figura ci faresti a non permetterti di seguire i loro ritmi? Così inizi a snocciolare una serie di scuse, di impegni inderogabili – settimana dopo settimana – per sottrarti agli inviti degli amici. Le scuse diventano così serrate che dopo un po’ neanche vieni più invitato perché “tanto sei sempre indaffarato e non puoi mai unirti a noi”.

E’ frustrante cercare una certa dose di libertà e ritrovarsi ulteriormente incastrato.

Esserne coscienti mette in dubbio tutte le scelte che ti han portato fino a quel punto.
Un enorme punto di domanda si allarga giorno dopo giorno nella testa.
So bene cosa si prova, sono un Imprenditore come te e ci sono passato anche io.

Anche i rapporti con i tuoi soci non filano proprio al meglio. Loro magari sono fuori dall’operatività aziendale e intervengono solo per bacchettarti quando i conti non quadrano e devono mettere mano al portafogli. Mica ci stanno pensando loro a tenere su la baracca 12 ore al giorno come te… e pensare che non volevi prendere ordini da nessuno!

Con gli amici puoi prendere le distanze e driblarli con le scuse più disparate. Arriverà prima o poi il momento in cui potrai rifarti avanti.

Il vero macigno lo devi subire quando varchi la porta di casa.
Quando vorresti solo trovare un briciolo di compassione almeno da parte dei tuoi cari.

Qua non hai granché da inventarti. Non è facile mentire tra le quattro mura.

I tuoi genitori ti vogliono un bene dell’anima, ma non hanno mai sostenuto a pieno la tua impresa. Hanno anche investito la liquidazione per aiutarti a mettere in piedi l’Azienda, solo per non stroncare sul nascere il tuo sogno. Nel fondo del loro animo non ci hanno mai creduto.

“Era meglio trovarsi un posto fisso. Non è questo il periodo per fare impresa.” Quante volte ti han ripetuto questo mantra? Scommetto che ti rimbomba nelle orecchie ogni sera prima di addormentarti.

Magari hai avuto la fortuna di nascere in una famiglia di imprenditori, ma se così non fosse sai bene a cosa mi riferisco.

E infine, inesorabilmente, ti scontri col tuo partner.

Non sei mai in casa perché lavori come un mulo per non farle mancare nulla, ma i soldi per soddisfarla e addolcire la sopportazione dei sacrifici non sono mai abbastanza.

E più di una cosa inizia a mancarle.

Le tue rinunce sono anche le sue.

Avere una vita sociale al minimo sindacale è una dura botta anche per lei.
Quando si ritrova a spettegolare con le amiche e non ha niente di entusiasmante da raccontare perchè… anche questo week end non avete combinato nulla di intimo e carino fuori dall’ordinario. Dopo alcuni mesi la situazione diventa estremamente imbarazzante da sopportare.

Per non parlare di tutti gli sfizi più o meno piccoli che rimangono insoddisfatti, fastidiosi come sassolini nelle scarpe senza calze.

Quante volte hai dovuto rinunciare a regalarle quel completo così sexy da farla sembrare una piccola Belen?

Se avete figli, il livello di allarme cresce vertiginosamente.

Tuo figlio non può avere tutto ciò che vorrebbe.

Non perché sia un viziato capriccioso, ma semplicemente perché non è possibile soddisfare tutte le esigenze.

Dando per scontato che un piatto caldo sulla tavola tutti i giorni sia ampiamente garantito, anche lui dovrà sbattere il muso con le rinunce di tutta la famiglia.

Per tuo figlio è un trauma non partecipare alla gita scolastica, dove si stringono maggiormente i rapporti con i compagni e nascono le prime vere amicizie, quelle che ti porti dietro finché campi.

Dire no all’abbigliamento di marca per avere l’ultimo gingillo elettronico o rinunciare allo sport gli fa perdere ore di sonno.

Potresti pensare che siano delle banalità. Invece i ragazzini hanno la mente trapanata da questi pensieri.

In mezzo ci sei tu a fare da pendolo per mantenere in equilibrio il contesto familiare ed evitare che vada alla deriva come una bagnarola nell’Oceano Pacifico.

In questo periodo storico oltre la metà dei matrimoni termina con il divorzio.
Si crede che i matrimoni vadano a rotoli a causa dell’infedeltà tra coniugi.

In realtà la metà dei divorzi avviene a causa della monotonia e l’instabilità economica. Mentre il tradimento incide “solo” nel 30% dei casi.

Ora ti chiedo di fermarti un attimo e riflettere.

Che piega potrebbe prendere la tua Azienda e di conseguenza la tua sfera privata,
se ogni mese, senza modificare le tue abitudini
o il tuo giro di affari, senza dover produrre di più,
ti ritrovassi
in cassa 300, 500, 900 euro in più?

Sarebbe un buon punto di partenza per tappare i buchi e far sta bene le persone che gravitano intorno alla tua vita ma soprattutto te?

Ora voglio darti un altro punto di vista.

Cosa potresti avere da questo denaro se lo investissi all’interno della tua Azienda?

Chiaramente non posso sapere in cosa sei più carente, ci sono varie sfere in cui poterlo impiegare.

Potresti pagare le rate per un nuovo macchinario oppure un software di ultima generazione. Questo ti consentirebbe di agevolare le mansioni lavorative, sia tue che dei collaboratori.
Il tempo risparmiato da una parte potrebbe essere utilizzato altrove, aumentando la produttività oppure dedicandolo ad attività di alto valore.

Avere maggiore liquidità può aiutarti a sostenere le rate che hai aperto qualche anno fa, quando ancora le banche concedevano credito senza le ostruzioni attuali.

Potresti coprire il piano di rientro di un vecchio debito con un fornitore che ormai ti tiri dietro da troppi anni.

Ma la cosa più sensata, intelligente e profittevole è di investire tutta questa nuova linfa vitale in azioni di marketing, in pubblicità che porti nuovi clienti alla tua Azienda e massimizzi al 100% il denaro risparmiato.

Forse stai pensando che questa mia visione sia contorta e fantasiosa, ma è esattamente ciò che dovrebbero fare tutti gli Imprenditori per rilanciare, far crescere e prosperare la propria Azienda.

Che tu sia d’accordo con me o no, su una cosa possiamo essere certi:

Una quantità maggiore di denaro all’interno
dell’Azienda non guasta MAI!

La parte di denaro che ogni mese versi inutilmente per le bollette sta tarpando le ali alla tua attività.

Quante volte ti sei detto “Se solo avessi 500 euro in più per… (cosa faresti con 500 euro in più ora?) ?”

Ecco, sappi che quei soldi li hai già per le mani, solo li stai dando alle persone sbagliate invece che usarli per il benessere tuo e dell’azienda.

Perché nessuno ti ha svelato le uniche strategie per risparmiare sulle bollette in maniera definitiva e legale.

In questo momento hai l’opportunità di apprenderle, padroneggiarle ed applicarle con profitto grazie a Bollette Protette: il Risparmio FAI DA TE senza rischio di conguaglio.

Quanti nuovi clienti potresti conquistare se destinassi il denaro risparmiato, per pubblicizzare e promuovere la tua azienda ai loro occhi?

Quanto denaro ti farebbero guadagnare i nuovi clienti?

Semplicemente applicando le strategie racchiuse in Bollette Protette potresti innescare la miccia di un “pericoloso” circolo vizioso che mese dopo mese ti aiuterà a portare la tua Azienda al livello superiore, tale per cui sarai costretto ad assumere del nuovo personale per non deludere i tuoi clienti.

Non crederai mai alla bizzarra storia che sto per raccontarti.

Nella primavera del 2014 battevo una zona industriale di Torino per proporre la mia consulenza in ambito di risparmio energetico alle aziende circostanti.
Una di quelle zone che pullula di cortili e capannoni, un concentrato di attività manifatturiere e industriali più o meno variegato.

Ho conosciuto due carrozzieri, che chiamerò Damiano e Giuseppe per una questione di privacy.

Leggi la storia e capirai il perché.

Entrambi sono titolari di due attività praticamente identiche, specializzati in riparazioni per la carrozzeria di mezzi pesanti.

Con entrambi sono riuscito a sedermi a tavolino, imbastire una trattativa e prendere in mano le loro bollette. Ricordo bene che i consumi di Luce e Gas si equivalevano tra le due carrozzerie.

Damiano e Giuseppe hanno due caratteri opposti.
Il primo è molto analitico e razionale, pondera attentamente tutte le opportunità che gli si parano davanti agli occhi.
Il secondo, al contrario, vive di scetticismo per partito preso e luoghi comuni.

Damiano ha intelligentemente ascoltato la mia soluzione per stracciare i conti delle sue bollette. Dopo aver intuito l’effettivo vantaggio per la sua carrozzeria è diventato un forte sostenitore di Bollette Protette.

Giuseppe invece, ha confermato l’atteggiamento scontroso e fortemente scettico, dovuto al fatto che in passato si è scottato malamente con fantomatici consulenti al servizio dei Grandi Fornitori. Nonostante numeri alla mano gli abbia evidenziato quanti soldi stava sprecando inutilmente e che entro pochi mesi avrebbe ricevuto un conguaglio in bolletta, ha preferito liquidarmi con toni coerenti al suo carattere.

Come estinguere un debito con Equitalia grazie a
Bollette Protette

Oltre al lavoro uguale, Damiano e Giuseppe erano accumunati da un problema. Un problema comune che attanaglia molti titolari di partite IVA.

Un debito con Equitalia.

Come molti altri hanno immediatamente richiesto la rateizzazione per onorare il debito, ma anche le rate vanno sostenute e pagate mese dopo mese.

Dopo averli conosciuti, le strade di Damiano e Giuseppe si sono divise di fronte a un bivio.

Damiano ha accettato la mia consulenza e dopo un paio di mesi ha visto che effettivamente, come avevo preventivato, gli importi delle bollette erano inferiori di circa il 30%. Il gruzzoletto promesso iniziava a prendere forma nelle sue tasche.
Essendo un tipo analitico ha tirato un sospiro di sollievo per affrontare in tutta serenità le rate del debito con Equitalia.

Sai come dice il detto Piove sempre sul bagnato.

Una mattina il postino arrivò sgommando davanti alla carrozzeria di Giuseppe con il solito faldone di corrispondenza.
Mentre scartava una busta dopo l’altra prima della pausa pranzo, la mia profezia si materializzò davanti ai suoi.
La bolletta del gas esigeva prepotentemente una richiesta di oltre 30.000 Euro. Si, non è un errore di battitura, TRENTAMILA EURO di conguaglio.

Chiaramente Giuseppe non era in grado di onorare in un’unica soluzione questo debito, decise quindi di richiedere una rateizzazione al suo fornitore.

Rate di Equitalia + rate del Fornitore = Sindrome del Singhiozzo.

Giuseppe non poteva permettersi per alcun motivo di rimanere senza Gas nella sua carrozzeria, tra forni vari, caldaie ecc… il suo lavoro senza gas non sarebbe potuto proseguire.
Quindi si trovò costretto a dare priorità assoluta alle rate con il fornitore, che solitamente non concede dilazioni lunghe come Equitalia.

Le rate di Equitalia assunsero una rilevanza secondaria nelle preoccupazioni di Giuseppe, che per far fronte a quelle con il fornitore di Gas iniziò a pagarle un mese SI e un mese NO, un mese SI e due mesi NO e così via.
Inconsapevolmente ha imboccato un tunnel dal quale si esce solo con eventi shockanti.

Ritorniamo al presente.

Ormai con Damiano si è instaurato un ottimo rapporto, che va oltre quello professionale. A Febbraio 2017 mi ha confessato di aver estinto completamente il debito con Equitalia, nonchè l’intenzione di utilizzare la nuova liquidità che ora rimarrà in azienda (niente rata + risparmio bollette) per farsi pubblicità, acquisire nuovi clienti e incrementare il suo giro di affari.

Al che gli ho detto: “Chissà come la prenderà Giuseppe quanto ti vedrà crescere davanti ai suoi occhi”

Damiano mi rispose: “Sai Ivano, me lo auguro ma non credo durerà a lungo, ormai non sta più pagando le rate di Equitalia da un po’ e l’altro giorno gli è stato notificato un atto di pignoramento per il capannone…”

Che piega avrebbe potuto prendere l’azienda di Giuseppe se tre anni fa avesse dato retta ai miei avvertimenti e si fosse fatto aiutare con la gestione delle utenze, invece di rimanere nei binari imposti da un Consulente dei Grandi Fornitori, pronto a essere travolto da un Frecciarossa?

Non ho la sfera di cristallo per saperlo, ma sicuramente avrebbe avuto una chanche in più per far fronte ai suoi impegni economici.

Avrebbe pagato regolarmente le rate e adesso non sarebbe sull’orlo di una crisi di nervi con gli ufficiali giudiziari alle calcagna per mettere i sigilli al suo capannone e venderlo all’asta.
Dopo gli sforzi fatti per acquistarlo, magari sarà pure costretto a pagare un affitto al nuovo acquirente, pur di non spostare l’attività e perdere tutti i clienti conquistati in una vita di sacrifici.

Come sarebbe ora la vita di Giuseppe se dopo tre anni avesse estinto il debito come ha fatto intelligentemente il suo concorrente Damiano?

Le vicende incrociate dei due carrozzieri mi hanno messo a riflettere parecchio.

Rappresentano il punto cruciale che ha convinto me insieme al mio socio Francesco Cristiano, a creare Bollette Protette: il Risparmio FAI DA TE senza rischio di Conguaglio.

Cosa NON è Bollette Protette

Prima di presentarti ufficialmente Bollette Protette, è bene evidenziare cosa NON è:

  • Non si tratta di Pannelli Fotovoltaici. Non ho nulla contro questa tecnologia, anzi sono fermamente convinto che soprattutto in fase di nuove costruzioni si debba implementare da subito. Tuttavia ritengo che i pannelli fotovoltaici non siano la panacea di tutti i mali.
    • Non si possono installare ovunque. A maggior ragione se non sei proprietario dell’immobile in cui ha sede la tua Azienda rischi di prendere una mazzata sul muso tra qualche anno.
    • E’ un investimento a lungo termine. Per beneficiare dei pannelli fotovoltaici devi sborsare un pacco di soldi, ora che non ci sono più gli incentivi statali è finita la pacchia sia per gli acquirenti che i venditori.
  • Non si tratta di dispositivi o attrezzature a risparmio energetico per rimpiazzare quelli che utilizzi attualmente. Anno dopo anno l’efficienza energetica di computer, sistemi di illuminazione, frigoriferi, climatizzatori ecc… migliora a vista d’occhio. Anche in questo caso, se si è obbligati a fare un nuovo acquisto è un’ottima scelta orientarsi su un dispositivo con buona efficienza energetica. Cambiarlo solo ed esclusivamente per questo motivo è una scelta stupida.
  • Non si tratta di marchingegni che riducono il consumo energetico creando campi magnetici (Questi dispositivi sono una TRUFFA assodata) Ogni tanto salta fuori online qualche tecnologia che promette di risparmiare fino al 50% dei consumi di energia elettrica semplicemente attaccando un marchingegno alla presa elettrica vicino al contatore. Beh, sappi che devi tenerti alla larga da queste offerte, sono delle truffe architettate a tavolino per fregarti 50 o 100 euro.
  • Non si tratta di istruzioni o norme di buon senso per ridurre i kilowatt/ora o i metricubi di gas che consumi. E’ innegabile che essere scrupolosi nell’accensione di luci, computer e macchinari vari, possa contribuire a risparmiare sulle bollette. Se sei curioso di sapere alcune norme di buon senso a riguardo, ti sarà sufficiente una rapida ricerca su Google. Tuttavia non è questo lo scopo di Bollette Protette, che al contrario garantisce il risparmio a parità di consumo senza dover cambiare le proprie abitudini quotidiane.

Queste non sono le soluzioni che servono a te, o perlomeno non in prima battuta.

Il VERO segreto per il Risparmio in Bolletta

Il risparmio in bolletta non è una mera e semplice questione di tariffe basse.

Il risparmio è solo la prima conseguenza di avere le bollette tarate su misura per la propria attività – epurate da tutte le criticità – seguendo una serie di principi fondamentali comuni a tutte le utenze, che ho racchiuso all’interno di Bollette Protette.

La conseguenza sarà proprio di abbassare drasticamente gli importi delle tue bollette – secondo gli attuali consumi – fino ad una percentuale del 33%!

Presta bene attenzione perché nessun altro consulente la fuori – che poi in realtà è solo un venditore alle dipendenze di un Grande Fornitore – non ti svelerà MAI questi segreti.

Per 2 motivi:

  • Non ha l’interesse: quando ti fissa nelle pupille non vede una persona, vede solo una partita Iva da convertire in codice cliente per incassare la provvigione. Tutto quel che succede dopo la firma del contratto ha un’importanza marginale per lui. Utilizzerà tutte le sue armi spuntate del suo arsenale pur di appiopparti una nuova fornitura di Luce e Gas.
  • Non ha le competenze: la formazione che riceve prima di entrare nel campo di battaglia non prevede questo tipo di informazioni riservate, per i vari motivi che ho già spiegato tra queste righe.

Al contrario di questi loschi personaggi poco raccomandabili io sono in grado di farti risparmiare VERAMENTE sugli importi delle tue bollette grazie alle informazioni che ho racchiuso in Bollette Protette.

In Bollette Protette ho condensato tutta la mia conoscenza ed esperienza sul campo dell’ energia maturata in oltre 5 anni di consulenze con imprenditori di tutto il Piemonte.

Esistono 7 strategie applicabili alle utenze di qualsiasi attività.

Sono le stesse che utilizzo ogni volta che analizzo le bollette di un nuovo cliente. Grazie ad esse individuo le criticità, vi pongo rimedio e le traghetto verso il porto sicuro del Risparmio.
Con Bollette Protette potrai ottenere gli stessi benefici di tutti i miei attuali clienti, in completa autonomia, senza cambiare fornitore.

In pratica avrai al tuo fianco il consulente più cazzuto tu possa trovare sul mercato, ma ti costerà un decimo rispetto che averlo fisicamente nella tua zona.

La seconda principale conseguenza di avere le bollette cucite su misura per la tua Azienda ti consentirà di…

Sconfiggere l’odiatissimo conguaglio di fatturazione

Un giorno un ristoratore mi ha telefonato in preda a un attacco di panico. Avrebbe preferito un toro imbestialito a cena senza prenotazione nel suo locale, piuttosto che stringere tra le mani la bolletta stropicciata appena recapitata con un conguaglio di oltre 15mila euro.

Nove volte su dieci i consumi fatturati in bolletta sono STIMATI. Significa che il fornitore ipotizza venga consumata una certa quantità di energia elettrica o gas e ti manda la fattura secondo questa sua stima.
Le stime possono essere maggiori o minori del reale consumo, in entrambi i casi sarai tu a subire le conseguenze peggiori.

In caso di consumi sovrastimati, tutti i mesi pagherai per energia che non hai utilizzato, sborsando quindi più del dovuto. Poi arriverà un giorno in cui la verità verrà a galla, ma il tuo fornitore ormai ha già incassato i soldi e farà di tutto per non restituire il mal tolto, proteggendosi dietro calcoli assurdi e compensi di rimborsi cauzionali. Per riavere indietro il denaro versato in eccesso dovrai snervarti al call center decine di volte e inviare raccomandate di reclamo, finché un giorno – forse – riceverai un assegno di rimborso con un importo risicato.

In caso di consumi sottostimati – al contrario – non pagherai tutta l’energia che stai consumando. Ti tranquillizzi e metti in conto che la tua Azienda ogni mese deve pagare quella determinata cifra. Solo che anche in questo caso la verità verrà a galla. E’ sicuro come il sorgere del sole.
Ora sarai tu a dover sborsare tutto d’un colpo la differenza tra quel che ha stimato il fornitore e il reale consumo. Solo che al contrario del fornitore tu non hai la possibilità di compiere raggiri e compensi, anzi ti verranno addebitati ulteriori costi di mora per il ritardo nei pagamenti.
Certo, hai la possibilità di chiedere una dilazione di pagamento – con una mora supplementare – ma il numero delle rate sarà decisamente inferiore rispetto a quelle di un mutuo.
Invece l’importo sarà il medesimo, anzi forse ancora più elevato.
Il passaggio successivo al mancato pagamento del conguaglio è il sigillo dei contatori.
Il fornitore contatta il distributore, che invia un tecnico per sigillare il contatore del gas e interrompere l’erogazione. Per quello della luce non si devono neanche scomodare, ormai fanno tutto a distanza. Pigiando 4 tasti viene dimezzata la tensione del contatore, per poi lasciarti a zero completo dopo qualche giorno di ulteriore insolvenza.

Immagina per un attimo se la tua Azienda si ritrovasse a corto di energia da un momento all’altro. Niente illuminazione, niente impianto di climatizzazione, niente forni che bruciano o nastri trasportatori in movimento, niente server per archiviare la documentazione. Tutto fermo.

Come impatterebbe sulla produttività un imprevisto simili? Non è semplicemente saltato il contatore per un sovraccarico di potenza. Per rimettere in moto l’Azienda dovrai battagliare con il fornitore e piegarti alla sua volontà.

Guarda la storia di Agostina e Gabriella, titolari di una pizzeria in Sardegna

Se fino a questo momento non ti sei trovato alle prese con un conguaglio di queste proporzioni, beh ritieniti molto fortunato.
Ma è mio dovere avvisarti che il rischio è dietro l’angolo.
Fossi in te controllerei immediatamente le bollette per verificare la discrepanza tra consumi fatturati e consumi reali.

Pagare le bollette perfettamente allineate con i reali consumi ti consentirà di avere maggiore controllo sui flussi di cassa della tua azienda. Non dovrai fare da Banca al fornitore anticipando denaro per energia che non hai consumato. Non sborserai migliaia e migliaia di euro in un solo colpo per ripianare le presunte stime al ribasso.

All’interno di Bollette Protette troverai anche le informazioni per gestire in sicurezza il conguaglio ed evitare di finire con i piedi per aria come successo ad Agostina e Gabriella.

Cosa troverai all’interno di Bollette Protette

Tieniti forte: abbiamo preparato per te tutto il materiale necessario per gestire in completa autonomia le utenze di energia elettrica e gas della tua Azienda.

Ti presento il corso BOLLETTE PROTETTE

 

Ecco cosa troverai nello specifico all’interno di
Bollette Protette

I Video delle 7 sezioni di Bollette Protette

I video sono un concentrato delle sole cose che hanno funzionato negli anni e che ogni giorno portano a noi e ai nostri clienti risultati inaspettati. Ti affiancheranno per mettere in pratica tutto ciò che ho imparato in questi anni. Un vero faccia a faccia con le 7 Strategie per mettere al sicuro le tue utenze e risparmiare denaro contante già dal prossimo mese.

Il Manuale operativo di Bollette Protette

In questo Manuale troverai la trascrizione e le slides delle 7 Sezioni di Bollette Protette, che potrai utilizzare in qualsiasi momento, quando non potrai visualizzare i video, o come supplemento aggiuntivo al video stesso.
Inoltre potrai trovare anche una parte dedicata alle Domande & Risposte, dove verranno spiegati ulteriormente e approfonditi concetti riportati nelle 7 Sezioni.

I CD audio di Bollette Protette

Questo supporto potrai portarlo ovunque tu voglia ed ascoltarlo dal tuo PC, in auto o in qualsiasi altro dispositivo che supporti CD audio. All’interno troverai l’audio con le 7 sezioni di Bollette Protette

Le Schede esercizi di Bollette Protette

Le schede sono fondamentali per scovare ogni singolo cavillo che si cela tra le voci delle tue Bollette. Ti aiuteranno ad eliminare sin da subito ogni singolo e maledetto centesimo di euro in eccesso. Rappresentano la parte pratica del corso, che ti consentirà come un sarto di cucire le Bollette su misura per la tua Azienda.

La Pendrive con gli strumenti di lavoro

All’interno di questo supporto troverai alcuni dei file indispensabili per mettere la parola fine ad una gestione incomprensibile delle tue utenze. Riuscirai a tenere sotto controllo i tuoi consumi e le tue letture mettendo così per sempre al sicuro le tue utenze di energia elettrica e gas.

 

Tutto questo è ciò che troverai all’interno della black-box di Bollette Protette.

Ma le sorprese non sono finite qui.

Infatti per te abbiamo preparato 2 BONUS esclusivi che ti supporteranno e ti porteranno ad un livello superiore per domare le tue bollette e ottenere il massimo risparmio.

Ecco cosa abbiamo in serbo per te.

BONUS 1: L’approfondimento su come calcolare il tuo consumo annuo

Questo è uno strumento fondamentale per preparare il terreno nel migliore dei modi e riuscire a mettere in pratica tutte le strategie di Bollette Protette.

Proprio come un agricoltore prepara il terreno prima della semina con l’aratura, la rimozione delle erbe infestanti, l’appianatura ecc… tu dovrai fare la stessa cosa con il consumo annuo.

Fidati, sarà meno faticoso e lungo rispetto al lavoro sui campi 😛

Molte delle strategie necessitano di una preparazione e di alcune informazioni, tra cui capire quali sono i tuoi REALI consumi per calcolare al centesimo il tuo risparmio.

BONUS 2: L’approfondimento nel caso in cui vorrai cambiare fornitore

Come ti ho detto, Bollette Protette ti permette di ottimizzare i costi delle tue bollette risparmiando diverse centinaia, se non migliaia di euro l’anno, senza cambiare il tuo attuale fornitore.

Nel caso in cui però, tu voglia valutare una proposta per un cambio fornitura o voglia cambiare il tuo attuale fornitore, non puoi non avere questa preziosa guida al tuo fianco.

Cosa ne pensi? Interessante vero?

Potrei davvero aver finito e sono sicuro che non ti starei rubando nulla per la cifra che ti chiederemo, perché il materiale che ti ho appena descritto equivale ad un biglietto di sola andata verso la soluzione definitiva al calvario che probabilmente stai passando o che passerai se stai prendendo sottogamba la gestione delle utenze di energia elettrica e gas della tua Azienda.

Ma come ti ho già detto non mi sono tenuto nulla per me, ed è per questo che ho deciso di buttare sul tavolo da gioco il poker d’assi.

L’area riservata di Bollette Protette

Al momento dell’acquisto procederemo all’inserimento di un codice utente e riceverai immediatamente nella tua casella di posta una password per accedere all’esclusiva area riservata di Bollette Protette all’interno del quale potrai trovare tutto il necessario per fare in modo che tutto il materiale che ti ho appena presentato non sia mai vecchio.

Aggiornamenti, andamento del costo dell’energia e del gas, aggiornamento della sezione Domande & Risposte, casi pratici da mettere in pratica sin da subito e molto altro ancora.

Ma soprattutto il Glossario di Bollette Protette.
Con questo glossario non ti sentirai più spaesato quando qualsiasi call center o venditore da strapazzo cercherà di raggirarti con concetti e parole difficili buttate dentro ad un discorso senza senso.

Riuscirai a smascherare ogni tipologia di truffa e soprattutto tutto ciò che fino a ieri era a te sconosciuto, potrà rivelarsi all’interno del Glossario di Bollette Protette.

Concetti come CMOR, Dispacciamento, Oneri di Sistema e molto altro ancora non avranno più segreti. Scoprirai perché nessun venditore potrà mai toglierti i costi fissi, anche se te lo promette, giurandolo sul suo cane (che non ha mai avuto).

Capirai questo e molti altri concetti spiegati con parole semplici e consultabili in qualsiasi momento, semplicemente accedendo all’area riservata di Bollette Protette.

Insomma, come avrai capito, Bollette Protette racchiude tutti gli strumenti che come un sarto ti consentiranno di cucire le bollette su misura addosso alle utenze di Luce e Gas della tua Azienda.

Una volta che avrai in mano tutto questo malloppo e avrai dedicato solo 3 ore del tuo tempo, avrai la formula segreta per tappare definitivamente il buco nero che ogni mese risucchia risorse indispensabili per far crescere e prosperare la tua attività.

Sia che si tratti di acquistare nuova attrezzatura o software per la tua azienda, sia che tu voglia dedicare queste risorse che ora stai regalando inutilmente per pubblicizzare la tua attività e acquisire nuovi clienti, non puoi fare a meno di entrare in possesso di Bollette Protette.

Ti stai chiedendo cosa mi spinga a divulgare queste informazioni riservate solo ed esclusivamente ai veri insider del mercato dell’energia?

Perché dopo anni mi sono accorto che le imprese sono sempre in carenza di denaro, quando in realtà non sanno di averlo tra le mani. Non lo stringono abbastanza e scivola dalle dita.

Solo trovo ingiusto non poter fare altrettanto con le centinaia di migliaia di Aziende sparse per lo stivale, per il semplice fatto che mi trovo distante centinaia di km da loro.

Per questo motivo ho deciso di creare un mega concentrato delle mie conoscenze e informazioni, frutto di anni ed esperienza nel settore energetico, e renderle a portata di mano per tutte le Aziende che sposano la mia filosofia.

Sono un imprenditore come te, e quotidianamente anche io subisco la pressione e le vessazioni delle nostre istituzioni.

Ma in questa nazione ho messo le radici con la mia famiglia. Mi sento quindi in dovere di impegnarmi al massimo per dare il mio contributo ad altri Imprenditori che vogliono alzare la testa!

Il 94% delle aziende italiane sono piccole medie imprese.
Sono i piccoli imprenditori come noi il vero motore in grado di dare una scossa al nostro Paese.

Sono profondamente convinto che la condivisione delle nozioni valide sia alla base del progresso di una comunità, grande o piccola che sia.

In questi ultimi anni ho avuto modo di incontrare tanti imprenditori che seguendo questa teoria si stanno adoperando per espandere il loro verbo negli specifici ambiti di competenza.

Così come altri imprenditori si impegnano per divulgare tecniche di vendita e marketing, per riorganizzare i processi interni aziendali, per far pagare meno tasse, per ottenere credito dalle banche e in generale come portare avanti il proprio business, io ho deciso di fornire il contributo nell’unico settore in cui lotto tutte le mattine quando mi alzo dal letto.

Ti ripeto, il succo del discorso non è il risparmio in bolletta fine a se stesso. Il fulcro della questione è avere a disposizione delle nuove risorse da investire per poter aumentare il potenziale della tua Azienda iniettando quella liquidità di cui ha sicuramente bisogno ma che non si sa mai da dove tirarla fuori.

Ti ricordi la storia delle carrozzerie di Damiano e Giuseppe? Sai com’è andata a finire?

Purtroppo le cose per Giuseppe sono andate di male in peggio.
Ha perso il controllo delle rate insolute con Equitalia e il suo capannone è finito all’asta per quattro lire.

La sua testa calda, l’orgoglio e la scarsa lungimiranza l’hanno messo sul lastrico.
Attualmente è costretto a portare avanti l’attività pagando l’affitto al nuovo proprietario del capannone.
Ha trascorso una vita di sacrifici per acquistarlo, ora gli è stato portato via come le caramelle dalla tasca di un bambino.

Per Damiano invece suona tutta un’altra musica. Dopo aver estinto le rate con Equitalia, ha iniziato a reinvestire i soldi risparmiati sulle bollette per promuovere la sua carrozzeria e acquisire nuovi clienti.

L’ultima volta che l’ho incontrato, ha riferito che in soli 8 mesi (quindi neanche un anno) il giro di affari è cresciuto di un buon 25%. Dal via vai di persone che ho visto in carrozzeria, dalla presenza di due nuovi collaboratori e soprattutto conoscendo Damiano che si tiene sempre basso con i numeri, penso che la crescita sia più vicina al 40% che non al 25%.

I benefici SEGRETI di Bollette Protette

Facciamo un salto nel futuro.

Sono trascorsi 12 mesi dall’acquisto del corso Bollette Protette, come sarebbe la tua Azienda e la tua vita privata dopo un incremento del volume d’affari del 40% ?

Prima di tutto il commercialista ti contatterà per chiederti se ci sono stati degli errori nelle fatture, perché non è possibile che abbia avuto un tale incremento del giro d’affari.

Il Direttore di Banca avrà terminato le scuse per non erogare il finanziamento che insegui da due anni a questa parte.

I week end fuori porta in compagnia degli amici iniziano ad essere così ripetitivi da annoiarti e costringerti a cercare nuove mete.

La maggiore liquidità per assoldare nuovi collaboratori ti obbliga a staccare prima da lavoro per non essere invadente nei loro confronti.

I tuoi soci continuano a scaricare le colpe a te, perché l’Azienda ha prodotto maggiori utili e dovranno pagare più tasse.

Agli occhi dei tuoi genitori apparirai come un eroe. Il loro audace figliolo naviga in sicurezza tra le intemperie della tempesta creata dalla crisi economica che stringe in una morsa la nostra nazione.

Ma soprattutto i tuoi figli e tua moglie insieme a te godrete di una vita più agiata. Il problema non sarà più SE riuscirete a permettervi un soggiorno di relax o una cena romantica, ma semplicemente dovrete scegliere QUANDO farlo.

Una volta preso il controllo di una parte delle tue finanze, questi che ti ho appena elencato saranno i problemi di cui dovrai occuparti.

La cosa fantastica è che puoi fare tutto di nascosto, senza dover spiegare niente a nessuno.

Avrai una marcia in più invisibile per tirare su l’Azienda che quasi sembrerà ci sia riuscito con le tue uniche forze.

In realtà sarà così perché ti dovrai fare il mazzo ugualmente per incanalare la nuova liquidità nella giusta direzione.

Ma avere una rampa di lancio è sempre più comodo rispetto che scalare una montagna a mani nude.

Forse stai pensando che agire in questo modo equivalga a grattare il fondo? Sappi che non è così, è solo una tattica intelligente, un primo passo semplice da compiere, per prendere il comando della tua Azienda.

Pensaci bene, in questo preciso istante stai leggendo le righe che ti forniscono le istruzioni per attuare questo piano. Senza fare nulla in più di quanto già non faccia la tua azienda, avresti del denaro per farla prosperare.

Se sei convinto che mettere in pratica un piano del genere sia impossibile, ti invito ad abbandonare ora la lettura e chiudere questa pagina.

Andare fino alla fine non fa per te se non hai il coraggio di prendere in mano il futuro della tua Azienda.

“Ehi Ivano, ma io non ho bisogno di far crescere la mia Azienda!
Vado già a gonfie vele così e sono soddisfattissimo dei miei fatturati.
Non credo che risparmiare un po’ di grana sulle bollette
possa dare una svolta alla mia vita…”

Sono sempre felice quando incontro Imprenditori che hanno imboccato la giusta strada e sono riusciti a raggiungere il successo con la loro impresa. Ho la massima stima per te.

Tuttavia voglio ribadire un concetto: Maggiore liquidità a disposizione in Azienda non guasta MAI.

Se proprio sei convinto che non sia necessario spingere ancora a tavoletta sull’acceleratore, prova a pensare un po’ alle figure che gravitano intorno alla tua attività.

Che comportamento hanno avuto nei momenti grigi in cui senza di loro saresti andato alla deriva?

Se ancora non lo hai fatto, ti suggerisco caldamente di cementare il legame di fedeltà tra loro e la tua Azienda.

Mi riferisco più precisamente:

  • Ai tuoi dipendenti più capaci. Se hai raggiunto il successo è anche merito loro. Non esistono grandi aziende senza collaboratori di livello. Sei stato bravo nel selezionarli, ma è merito loro se non hanno tradito la tua fiducia. Un premio per i loro sacrifici verrebbe apprezzato e sancirebbe un ulteriore legame di fedeltà nei confronti dell’Azienda ma soprattutto tuoi.
  • I tuoi fidati consulenti. In anni di impresa quante volte hai avuto necessità di un intervento urgente del tuo avvocato, commercialista o difensore tributario? Se non avessi recuperato i crediti insoluti o respinto l’Agenzia delle Entrate a colpi di udienze, probabilmente non saresti dove sei ora. Un piccolo premio sarebbe apprezzato anche da loro, nonostante siano già stati retribuiti tramite parcella.
  • I tuoi clienti storici. Sono la risorsa cruciale per massimizzare i profitti. Pensa se alcuni di loro ti avessero sostituito con un altro fornitore nei periodi bui dove hai commesso qualche errore. Omaggiarli ancora più frequentemente di quanto già non faccia servirà a tenerli al tuo fianco anche durante la prossima tempesta.
  • Il tuo partner. Non mi stancherò mai di ripeterlo. Al fianco di grandi imprenditori ci sono sempre dei grandi compagni di vita, stare al tuo fianco non sarà certo stato facile, ma se lei è ancora li con te è giusto che gioisca e si goda al massimo i vostri sacrifici e il tuo successo. Non perdere mai l’occasione per omaggiarla e ricordarle quanto sia stata importante nel tuo viaggio.

Ci sono mille modi per poter utilizzare una maggiore liquidità in azienda anche se hai già raggiunto il top e non senti la necessità di espanderti ulteriormente. Ho comunque preferito darti qualche spunto.

Se invece fai parte ancora di quella fetta che tutti i giorni si alza e lotta per mandare avanti la baracca, sappi che in questo preciso momento hai a disposizione l’unico toccasana che può aiutarti a rimettere in pista la tua attività.

Senza chiedere soldi in prestito a banche, finanziarie, amici o parenti.

Senza supplicare dilazioni dai fornitori.

Senza recarti in banca a elemosinare un fido.

Senza rischiare denaro che non possiedi.

Ora voglio mostrarti alcuni esempi di come sono stati disintegrati i costi delle bollette grazie al sistema Bollette Protette applicato su bollette di Imprenditori come te.

ESEMPIO 1: Lo strano caso degli oneri aggiuntivi

Non voglio entrare troppo nel dettaglio, ma farti vedere che in questo caso abbiamo scovato una fattura piena zeppa di costi mascherati da oneri aggiuntivi, con i quali il fornitore ti frega un sacco di soldi

Costi che solitamente sono inclusi nella materia prima del gas, e che non dovrebbero essere al di fuori.

Questo ha fatto lievitare in maniera esponenziale il prezzo finale del gas portandolo a livelli stratosferici.

In pratica, per circa 17.000 metri cubi di gas consumato il malcapitato pagava circa 6.500€ di costi della sola materia prima.

Tutto ciò che vedi sopra, cerchiato in rosso, DOPO l’intervento messo in pratica ha generato un risparmio impensabile.

Guarda attentamente sotto e ti mostro cosa è realmente accaduto.

Dopo l’intervento sugli oneri mascherati da oneri aggiuntivi, per la stessa fornitura e per 21.000 metri cubi di consumo, è stato applicato un prezzo per la materia prima di 5300€!!!

1200€ di risparmio in un solo mese, e per giunta con consumi decisamente maggiori!!!
Questo si è tradotto in un risparmio annuo di oltre 14.000€ l’anno… una bella cifra vero?

ESEMPIO 2: La mancata agevolazione Statale

In questo esempio voglio mostrarti quanto sia importante sapere se la tua Azienda ha diritto o meno di alcune delle agevolazioni messe a disposizione dello Stato.
Sto parlando di soldi che probabilmente stai regalando allo Stato ogni mese e che devi assolutamente fermare, perché ogni giorno che passa ne regalerai sempre di più!

Ecco l’estratto di una fattura prima dell’intervento.

Per un consumo di 830 metri cubi la presente fattura riporta 148,74€ di imposte da versare allo Stato.
Dopo un’attenta analisi e le dovute verifiche riportate nel processo e nelle strategie di Bollette Protette, è stato appurato che questa attività avrebbe avuto diritto ad una particolare agevolazione Statale, portando il prezzo delle accise da cifre che arrivano fino a 0,175€ al mc a 0,0125€ al mc!

Guarda cosa è successo DOPO l’intervento di richiesta agevolazione.

Per 901mc di consumo, quindi più del PRIMA, questa utenza ha pagato 16,89€ di imposte, 131,85€ in meno in un mese!
Questo equivale, per questo cliente e per i suoi consumi, all’incirca 1.582€ di risparmio. E ti assicuro che in questo caso i consumi sono molto bassi.
Pensa a ciò che potresti ottenere se i tuoi consumi fossero molto più alti!

A questo punto saranno sorti alcuni quesiti nella tua testa. Di seguito trovi le risposte alle domande più comuni che mi rivolgono gli imprenditori prima di dare il via libera a Bollette Protette.

  • Bollette Protette mi sembra un ottima strategia per risparmiare, ma siamo sicuri sia adatto anche alla mia attività?
    Bollette Protette è un concentrato di strategie che si possono applicare a qualsiasi utenza. Più è alto l’importo che spendi attualmente, più elevato sarà il risparmio che rimarrà nelle tue tasche. Alcune categorie possono trarne maggiore beneficio poiché hanno diritto ad agevolazioni statali specifiche. Al di là di questo, se spendi almeno 500 euro al mese tra luce e gas, l’acquisto di Bollette Protette è obbligatorio per la tua Azienda.
  • Devo cambiare fornitore oppure posso continuare con quello attuale?
    Le strategie di Bollette Protette consentono di risparmiare a prescindere dal fornitore. Se attualmente hai una tariffa molto elevata sui servizi di vendita, è consigliato passare ad un fornitore più conveniente o trattare con il tuo attuale. All’interno del corso troverai tutte le informazioni per valutare correttamente qualsiasi nuova proposta per le tue utenze e non farti più imbrogliare dai venditori.
  • Avrò interruzioni di erogazione del servizio?
    Assolutamente NO. Sappiamo quanto luce e gas siano fondamentali per un’Azienda e non abbiamo inserito alcuna strategia che preveda l’interruzione dell’erogazione del servizio.
  • Ho il timore che si tratti di un risparmio temporaneo e poi mi toccherà pagare tutto insieme con gli interessi, cosa mi dici a riguardo?
    Le strategie di Bollette Protette ti condurranno a soluzioni definitive e senza rischio di conguaglio. Il conguaglio avviene quando non vi è corrispondenza tra i consumi reali e quelli fatturati. Ti spiegheremo come scongiurare per sempre questo pericolo.
  • Sono davvero una capra con le bollette in mano, se non riesco ad applicare i tuoi consigli cosa succede?
    Abbiamo descritto in maniera semplice e di facile applicazione tutte le strategie di Bollette Protette, a prova di bambino di sei anni. Bollette Protette è fatto appositamente per aiutarti passo dopo passo, come un manuale di istruzioni per montare i mobili dell’IKEA. Non devi studiarlo tutto e poi andare a farti interrogare. Lo userai fianco fianco con le bollette in mano.
  • Non ho tempo da dedicare per imparare il corso, cosa mi suggerisci?
    Ricordati che è per il bene della tua Azienda, sarà come prenderti mezza giornata per andare a litigare in banca o dal commercialista. E’ un sacrificio necessario che fai SOLO una volta e poi tieni in piedi ogni mese con un filo di gas (parlo davvero di 5 minuti cinque). Pensa all’ultima volta che sei andato in banca per ottenere un fido quanto tempo ti han fatto perdere… In alternativa, se proprio non vuoi occupartene tu, potrai delegarlo a un collaboratore.
  • Ho già un consulente che mi segue le utenze, il corso Bollette Protette è indispensabile anche per me?
    ll corso Bollette Protette ha l’obiettivo di renderti autonomo e libero da qualsiasi forma di consulenza. Se hai già un consulente ti renderai conto se fino ad oggi ha fatto un buon lavoro oppure no. In caso negativo potrai rimpiazzarlo grazie a tutte le strategie che assimilerai con Bollette Protette.

Dato che non mi sono svegliato una mattina e ho deciso che sarebbe stato una figata aiutare gli imprenditori in questo modo, voglio lasciare parola a chi in questi anni ha già raccolto i frutti di una mia consulenza, che poi altro non è che le informazioni segrete che troverai all’interno di Bollette Protette, da applicare in completa autonomia.

Alberto Giannini – Piadineria Cuslè – Torino
<<Se volete dimenticarvi di letture dei contatori di luce e gas, bollette astronomiche, conguagli ecc.. avete trovato l’azienda giusta! Ivano e Francesco si occuperanno di tutto e potrete finalmente dedicarvi esclusivamente alla Vostra attività con un notevole risparmio in termini di denaro e tempo! Grazie ragazzi . La Piadineria Cuslè è soddisfattissima!!.>>

 

Giorgio Moro – CH4 Sporting Club – Torino
<<Abbiamo conosciuto tramite amici Francesco Cristiano che si è subito dimostrato attento e competente riguardo alla complessa e articolata dinamica di una bolletta di luce e gas. Spiegate chiaramente le voci oscure che compongono il costo finale, ci ha proposto ottime soluzioni di risparmio energetico, e qualunque dubbio o problema è stato gestito con professionalità e attenzione. Veramente un lavoro importante e fondamentale in un settore di difficile comprensione e valutazione.>>

Luca Andrè – Soul Kitchen – Torino
«Professionalità, trasparenza ed efficienza! Finalmente una figura competente e sempre presente che mi aiuta a tenere tutto sotto controllo! Soprattutto se si parla di cifre importanti per chi come me ha un ristorante! Consigliatissimo a tutti!»

 

 

Massimo Costantino – Trattoria Alle Lavagne – Torino
<<Ciao sono Massimo Costantino, gestore della Trattoria alle Lavagne di Corso Agnelli Torino.
Da pochissimo faccio parte di Energia Ristorazione perché mi sembra finalmente di aver trovato anziché un call center un riferimento vero che può fare la differenza per la gestione delle forniture della mia attività.
Buona giornata e continuate così !!!
Massimo Costantino>>

“Mi hai quasi convinto, ma non mi hai ancora detto la cosa fondamentale… quanto costa il corso Bollette Protette?”

Ho chiesto ai miei storici clienti quanto secondo loro poteva valere il corso.

Ovviamente mi ero già fatto un’idea, ma un sondaggio tra chi ha già toccato con mano e ogni giorno gode dei risultati mi è parso obbligatorio.
Ognuno ha dato risposte differenti, in base a quanto ne ha beneficiato personalmente, ma la stragrande maggioranza ha stimato una cifra più alta rispetto a quella che avevo in mente.

Tieni presente che solitamente una tariffa di consulenza si aggira intorno al 10% del risparmio accertato. Se in un anno risparmi 10.000 euro, il consulente staccherà una fattura di 1.000 euro per il suo compenso, ogni anno.

Ho deciso di fissare il prezzo di Bollette Protette intorno alla cifra più bassa che mi è stata comunicata durante il sondaggio.

Per renderlo accessibile e conveniente anche a chi non ha consumi esorbitanti all’interno della propria Azienda.

Il corso Bollette Protette ha un costo di 397 euro iva inclusa.

Si tratta di un costo una tantum (interamente deducibile per l’Azienda) che ti darà accesso anche a tutti gli aggiornamenti successivi, in funzione degli sviluppi che ci saranno sul mercato dell’energia.

Significa che se tra 3 mesi accertiamo ci sia una nuova strategia legale da applicare sulle tue bollette, riceverai immediatamente le indicazioni dettagliate per implementarla. Senza che null’altro ti sia richiesto in cambio.

Per metterti in una botte di ferro, per sentirti realmente al sicuro e non lanciarti in un acquisto azzardato ho deciso di affiancare la garanzia 100% soddisfatto o rimborsato.

Ti spiego come funziona.

Se per qualsiasi motivo non riuscirai ad applicare almeno una delle strategie che ti rivelerò all’interno del corso, e soprattutto se non si dovesse rivelare efficace, ti restituirò INTEGRALMENTE il prezzo pagato per il corso. Spedisci indietro il materiale e siamo amici come prima.

Esempio pratico: se, fortunatamente per te, dovessi avere le bollette perfettamente in ordine, che rispecchiano a pieno le strategie di Bollette Protette e quindi non puoi trarre alcun tipo di vantaggio volto al risparmio, mi mandi una mail e ti restituisco subito i soldi. Senza fronzoli e clausole truffaldine.

Sai perché? Perché voglio che tutti coloro che acquisteranno Bollette Protette si ritengano davvero soddisfatti del loro acquisto ma soprattutto abbiano un vero ritorno economico dall’investimento nel corso.

Ora ho riservato un’offerta strepitosa per te.

Il corso Bollette Protette non è ancora stato lanciato ufficialmente sul mercato.
In queste settimane sono in fase di ultimazione le stampe e l’imballaggio delle scatole che conterranno tutto il materiale.

Se hai compreso il potenziale che si racchiude in Bollette Protette, non indugiare ancora e clicca sul bottone qua sotto per prenotare immediatamente in anteprima pre lancio con uno sconto che NON si ripeterà mai più.

Una volta che accederai alla pagina per la prenotazione, ti verrà richiesta la forma di pagamento. Potrai scegliere tra paypal, carta di credito, bonifico bancario.

Hai capito bene, dato che Bollette Protette non è ancora uscito ufficialmente sul mercato, ma lo farà il primo Maggio.

Ho deciso di darti un’opportunità UNICA se prenoterai in anticipo la tua copia!

Solo se prenoterai entro il 20 Luglio potrai ricevere a casa tutto il malloppo a soli 197 euro iva inclusa!

Clicca sul bottone per prenotare subito la tua copia di Bollette Protette.

Il costo del corso Bollette Protette è deducibile al 100% dai costi aziendali!

Se ancora non sei convinto del’opportunità che hai sotto mano in questo preciso istante vorrei ricordarti che non hai nulla da rischiare.

Sei coperto dalla garanzia 100% soddisfatti o rimborsati.

Se grazie al corso non riuscirai a risparmiare sulle tue bollette, potrai mandarmi una mail o anche telefonarmi e ti restituirò immediatamente i soldi spesi.

Hai solo un’occasione unica per accaparrarti le informazioni di Bollette Protette e sbloccare una fonte di denaro che potrai utilizzare per dare una spinta alla tua azienda o gratificarti ulteriormente dei sacrifici fatti fino ad oggi.

Se lo prenoterai entro il 20 Aprile potrai risparmiare il 50% del prezzo con l’offerta pre lancio, acquistandolo a soli 197 euro iva inclusa invece che 397 euro.

Oppure preferisci continuare ad ingrassare chi fino ad oggi ti ha sottomesso e privato ingiustamente del denaro che hai sudato.

Preferisci faticare ancora per pagare le rate di prestiti o Equitalia.

Se far quadrare i conti della tua Azienda è un costante problema, sappi che questo piccolo investimento potrà aprire – grazie al denaro che risparmierai già dal prossimo mese – una breccia che ti permetterà di far leva e far crescere la tua azienda potendo spendere denaro per pubblicare i tuoi servizi a nuovi potenziali clienti.

Se sei stufo di continuare a gettare denaro in un buco nero dal quale non rivedrai più nulla – non bastano quelli inevitabili che già abbiamo nel nostro sistema statale – allora questa è l’unica opportunità che ti fornirà il codice segreto per craccare e chiudere definitivamente questo buco nero.

A questo punto ti sono rimaste solo 3 possibilità.

1# Chiudi questa pagina e non fai nulla, continua come hai sempre fatto e spera che le cose si sistemino da sole. Se farai la fine del carrozziere Giuseppe poi non dire che non eri stato avvertito.

2# Hai capito che potresti risparmiare sulle bollette, ma non vuoi fare un piccolo investimento acquistando Bollette Protette. Proverai a dar retta al prossimo pinguino che ti proporrà una nuova offerta con SPECIAL PRICE DI COPERTINA, per finire risucchiato in un vortice di oneri aggiuntivi, tasse non dovute e conguagli sanguisuga.

3# Hai compreso il vero potenziale che è racchiuso in Bollette Protette e dedicherai una piccola somma, ancora più piccola grazie all’offerta pre lancio, per risolvere definitivamente qualsiasi problema con le tue bollette e utilizzare il denaro risparmiato per dare una svolta alla tua Azienda e di conseguenza alla tua vita e quella della tua famiglia.

E’ importante che tu prenda la GIUSTA decisione adesso.

Perché ogni giorno che passa continui a perdere denaro. Purtroppo nè il corso Bollette Protette, nè io nè nessun altro al mondo sarà in grado di farti recuperare le somme che hai versato in eccesso fino ad oggi e che continuerai a buttare nel cesso se non agisci ORA.

Clicca qua sotto per accaparrarti in offerta pre lancio bollette protette a soli 197 euro iva inclusa.

E’ un’offerta che non durerà a lungo, anzi per la precisione hai ancora tempo fino alla scadenza.

Dopo di che Bollette Protette sarà acquistabile a prezzo pieno di 397 euro iva inclusa, che comunque è inferiore al reale valore racchiuso nel corso.

Se sei arrivato fino alla fine di questa pagina sono sicuro che hai capito il potenziale che toglierà le catene alla tua azienda e gli permetterà di prendere il volo.

Sei a un click dalla soluzione.

Ti ringrazio per aver letto questa lunga lettera.

Ti aspetto su Bollette Protette.

Un caro saluto

Ivano Pugliese

PS: hai ancora pochissimo tempo per acquistarlo a 197 euro invece che 397 euro.
Clicca il bottone qua sotto e metti per sempre al sicuro le tue utenze.