800.935.921
Seleziona una pagina

I 5 modi per farti pagare di più le bollette della tua aziendaSono diversi anni che mi passano sottomano centinaia di bollette di aziende ogni mese. Ogni giorno escono fuori nuovi problemi e nuove voci che non hanno nulla a che fare con ciò che stabilisce l’autorità per l’energia elettrica e il gas.

Mi capita molto spesso anche di parlare con venditori incompetenti che credono di sapere tutto perchè il loro capo area, dipendente diretto del fornitore e quindi che ovviamente porta acqua al proprio mulino, gli ha spiegato come deve vendere la sua offerta di energia elettrica e gas.

Non sarei davvero in grado di elencare in questa guida tutto ciò che ha fatto spendere migliaia di euro l’anno le aziende in questi anni ma, per renderla semplice e intuitiva, voglio elencarti i 5 principali attori che possono farti sborsare diverse centinaia, se non migliaia di euro al mese in più per la tua azienda.

Ecco perché devi assolutamente seguire questa guida.

Partiamo dunque e come si dice… allacciati le cinture perché il viaggio che ti farò fare sarà pieno di insidie e curve pericolose!

  1. Evita gli Oneri aggiuntivi come la peste

 

Abbiamo già ampiamente parlato degli oneri aggiuntivi, per tutti i dettagli ti consiglio di leggere la guida dedicata cliccando su questo link e scaricandolo come report in pdf.

Ad ogni modo gli Oneri Aggiuntivi sono l’invenzione perfetta per alcuni fornitori di energia elettrica e gas perché gli permettono di guadagnare molti soldi, a volte diverse migliaia di euro in più all’anno per ogni singolo cliente, ovviamente, a scapito del cliente stesso.

E’ bene quindi saperli riconoscere, evitarli nel caso in cui si presentino nuove offerte ed eliminarli il più in fretta possibile nel caso in cui tu abbia già presente in fattura uno o più oneri aggiuntivi.

Hai capito bene, ciò che ti può capitare è avere più di un onere aggiuntivo in fattura. Questo può riempire o svuotare a piacimento del fornitore le tue tasche (e ovviamente anche le sue in maniera opposta).

CLICCA QUI PER SCARICARE IL REPORT